About me

6

10696247_10203954608400545_8706277387282383723_nSon nato e cresciuto in una fantastica isola nel centro del Mediterraneo, la Sardegna. Ho 28 anni ma mi sento di aver vissuto solo gli ultimi dieci. Per “vissuto” intendo “vissuto intensamente con coscienza”. Già, perché gli anni precedenti mi sembra di averli vissuti passivamente; per gli altri, tramite gli altri e sopratutto per colpa degli altri.

Quindi partirei da questo punto. Da quando acquisii quella cosa che tutti conoscono, che in molti bramano, ma che la maggior parte delle volte rimane una chimera: l’indipendenza. Il mio unico pensiero era – ed è tutt’ora – “d’ora in avanti faccio quello che voglio”.

Allora feci una chiamata e subito dopo comprai un volo solo andata per la Germania, per fare il cameriere in una gelateria. Insomma, un debutto piuttosto comune tra gli italiani medi. Volevo restarci, invece mi hanno convinto a rientrare per proseguire gli studi, prendere la maturità e divenire un perito del turismo (wow!). Presi la decisione giusta e con grande entusiasmo mi iscrissi addirittura alla facoltà di lingue, al corso di “Mediazione Linguistica e Culturale per il Turismo” che dopo 4 anni, dopo un paio di esperienze in Germania (la Germania era diventata per me l’America!), conclusi con ottimi risultati. Visto che ero in gioco  e il mondo dei viaggi, delle lingue, delle culture e del turismo in generale mi affascinava sempre di più mi iscrissi a un Master in “Organizzazione e Programmazione turistica-culturale del Territorio” che conclusi con ottimi risultati. Questo Master mi aiutò ad interessarmi ancora di piu’ a tutto ciò che ruota intorno al turismo sostenibile e responsabile, ma soprattutto al cicloturismo. Infatti, scrissi una tesi sul cicloturismo in Sardegna.

E ora, eccomi qui. Di nuovo con un biglietto solo andata in mano. Questa volta per l’altra parte del globo.

Che posso dire di me…Descrivere le cose e le persone mi è sempre stato difficile. Descrivere me stesso lo è ancora di più. Diciamo che sono quello che ognuno di voi vede. Quindi potrei dire di essere tante cose diverse alle stesso tempo.

Onde evitare di essere troppo modesto e/o fare il vittimista, posso descrivermi velocemente con un paio di aggettivi che mi son sentito dire in molte occasioni, tipo: folle, in gamba, grande, sconsiderato, cinico, deciso, nichilista, adrenalinico, esilarante, determinato. Uno degli aggettivi che mi piace di più, però, è quello con cui mi chiamo’ una volta mia nonna: “cagalogu“. Con questa tenera parola quella splendida donna – radicata in maniera ossessiva alla propria terra, al proprio paese e soprattutto alla propria casa – intendeva sottolineare la mia tendenza a sperimentare un po’ tutto, conoscere nuove persone e nuovi luoghi.
Anche se non sembra, mia nonna è sempre stata di ampie vedute.

Per concludere potrei dire di essere quello che tutti chiamano “uno spirito libero”. Anzi, posso proprio dire che, come diceva mia madre, “a me mi piace la vita, la bella vita”.
Mi interesso di tutto e di niente allo stesso tempo. Mi interesso di tante cose e di tante persone per poi disinteressarmi alla velocità della luce.
Mi faccio travolgere dagli eventi della vita e dalle persone. Per poi dimenticare tutto subito, in tempi fulminei. Ah ecco, il mio peggior diffetto: la mia memoria.

6 Comments

  • Andrea scrive:

    Good luck!
    Goditi ogni istante, leggi qualche buon libro e ricordati di sorridere.
    -A

  • Manuel scrive:

    Ciao Andrea,
    buon tramonto.
    Manuel.

  • giampiero meloni scrive:

    Sei un grande, mai avrei pensato tu fossi arrivato a questo. Credevo lavorassi da qualche parte, qualche albergo o, mi pare di ricordare, imbarcato su qualche nave da crociare (forse qualcuno mi ha detto questo). Ti conosco poco, di vista, ma conosco bene la tua grande famiglia, che rispetto e rispetterò sempre. Ho questo ricordo di te, una persona semplice, tranquilla, senza palle per la testa. Spero tu possa continuare a vivere questi momenti e esperienze, fin quanto ne abbia voglia e forza sempre con tanta umiltà e passione. Divertiti e abbi tanta tanta fortuna !

  • ciminelli roberto scrive:

    Ciao pirletta! Sei un grande!!!!

  • Jonny Canu scrive:

    Continua a vivere il tuo sogno , la tua Liberta’ nessuno ti portera via quello che vissuto e ancora in futuro vivrai. Come hai raccontato x tutti noi e come una Chimera avere dei sogni di evasione , questo Mondo in cui viviamo dove la Finanza la fa da Padrona , Tu hai avuto il coraggio di fare delle scelte , di cui ti servirano in futuro. Ti Auguro tutto il bene di questo Mondo, anche se non ti conosco hai tutto il mio rispetto e la stima, mi piacerebbe un giorno conoscerti . Saluti da Stoccarda Jonny………….

  • Graziano Dedola scrive:

    E ricordati, io ci sarò. Ci sarò su nell’aria. Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare, mettiti da una parte, chiudi gli occhi e cercami. Ci si parla. Ma non nel linguaggio delle parole. Nel silenzio.

    Tiziano Terzani